L’ottimismo non si inventa

Questa settimana, in un’ora pigra del primo pomeriggio,

quando in negozio non c’è ancora nessuno,

sono venuti qui a controllare i registri di magazzino,

la fatturazione, carico e scarico.

La porta ha scampanellato come per un cliente qualsiasi

così Miky si è presentata col sorriso abituale, poi ho visto

gli angoli della sua bocca scendere e diventare subito seria.

E’ sbagliato, in questi casi bisogna far finta di niente.

– Un controllo occasionale – ho detto io

– Sono stati quelli a mandarceli – Miky ne è convinta.

Hanno tirato fuori cartelle dai cassetti e sparso in giro

ovunque manciate di fogli ispezionandoli.

Verificato le giacenze toccando ogni cosa, spostando e mischiandole

tra loro.

I ripiani degli scaffali sono tutti da riordinare.

Si sono presi degli omaggi. Glieli ho fatti scivolare davanti

come se in realtà non ci fossero. Ma non mi aspetto grosse

indulgenze.

C’è aria di disordine e sopruso, come se fossero venuti i ladri.

Quando sono usciti stavamo in fila a fargli ala con lo sguardo.

Sopra il bancone nostra figlia teneva aperto il libro di storia.

Rimasti soli, ha chiesto notizie sul nome Borgia e ho

notato la parola Rinascimento scritta in neretto.

Le cose rinascono ogni giorno e vengono interpretate

diversamente, se è per questo.

Annunci

Informazioni su emmapretti

Poetessa e scrittrice collabora con numerose riviste italiane e straniere con poesie, traduzioni, recensioni e racconti. Ha pubblicato cinque volumi di poesia. L'ultimo libro è del 2010 " I giorni chiamati nemici" Sefeditrice. Per notizie più ampie e dettagliate rimando alla nota bio-bibliografica inserita all'interno all'interno della mia ultima raccolta di liriche " I giorni chiamati nemici " -Sefeditrice 2010 - Firenze www.sefeditrice.it http://www.sefeditrice.it/scheda.asp?IDV=2441
Questa voce è stata pubblicata in poesie, prosa-poesia, Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a L’ottimismo non si inventa

  1. chocolate tales ha detto:

    Per fortuna c’è la poesia che sa trasformare quel che è spiacevole in una bella lettura.
    “Le cose rinascono ogni giorno e vengono interpretate

    diversamente, se è per questo.”
    Ottima fine!

  2. emmapretti ha detto:

    Ti ringrazio, sei per me un incentivo. Fino all’ultimo sono stata in dubbio se pubblicarlo o meno.
    Adesso credo di aver scelto giusto. 🙂 Ciao.

  3. Giusy ha detto:

    Molto . . . “vero” Giusy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...