Un classico sottovalutato

Volendo parlare di Luigi Pulci non posso fare a meno di ripensare alla breve e sbrigativa menzione del nostro professore di italiano al liceo. Pochi riferimenti storici, frettolose indicazioni riguardanti l’ opera e un giudizio svogliato e riduttivo sopra la sua produzione poetica. Inutile dire che dagli alunni questa figura veniva ben presto rimossa e relegata negli angoli ragnosi del cervello, tanto che risultava difficile tirarla fuori addirittura durante le interrogazioni – ma anche glissando la risposta il Pulci, da quell’animo bonario che era, non intaccava seriamente il voto finale.

Se come me, dopo una lezione sulla letteratura del quattrocento, eravate più ansiosi di correre al bar per chiacchierare, flirtare e commentare gli amorazzi altrui, questa può essere una buona occasione per colmare la deprecabile lacuna che circonda Pulci.

Il saggio di Alessandro Polcri, Assistant professor of Italian alla Fordham University, ” Luigi Pulci e la chimera” per i tipi di Sefeditrice, restituisce a questo autore il ruolo e l’importanza che merita e che purtroppo anche le antologie gli avevano sottratto preferendogli autori più “seri”.

L’invito al godimento, l’attitudine al motteggio, le gaie usanze di caccia e di svaghi furono l’ideale di uno spirito capace anche di riflessioni sopra i casi della vita che in molti casi gli fu avversa.

La sua “musa domestica”, come lui stesso la definiva, gli suggerì nella luce di una concezione sorridente, un realismo umano e comune, sotto cui si univa il buffo e l’amaro, lo scherzevole e il tragico, nell’intento di unire sotto il suggello dei versi i multiformi aspetti dell’esistenza.

A Luigi Pulci resta il merito di aver ampliato il limite delle rimerie burlesche fino a lasciare il segno, col Morgante, su opere come il Gargantua e Pantagruel di Rabelais.

Il saggio di Alessandro Polcri ” Luigi Pulci e la Chimera ” analizza per intero l’uomo e l’autore, partendo dalle vicende biografiche fino a scolpirne una figura a più dimensioni.

Interessante studio intorno al quadro di un’epoca e di un poeta che indicherei, proponendo un definizione forse un po’ azzardata, come uno degli antenati della ” commedia all’ italiana”

Il volume può essere acquistato on line su http://www.sefeditrice.it oppure cliccando su    http://www.sefeditrice.it/scheda.asp?IDV=2734 è possibile leggere alcune pagine del saggio

Annunci

Informazioni su emmapretti

Poetessa e scrittrice collabora con numerose riviste italiane e straniere con poesie, traduzioni, recensioni e racconti. Ha pubblicato cinque volumi di poesia. L'ultimo libro è del 2010 " I giorni chiamati nemici" Sefeditrice. Per notizie più ampie e dettagliate rimando alla nota bio-bibliografica inserita all'interno all'interno della mia ultima raccolta di liriche " I giorni chiamati nemici " -Sefeditrice 2010 - Firenze www.sefeditrice.it http://www.sefeditrice.it/scheda.asp?IDV=2441
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized, valutazioni e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Un classico sottovalutato

  1. hott news ha detto:

    You could not be more precise!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...