Gli strati della poesia

Il pittore Anselm Kiefer ha dipinto la poesia ” Marina ” di Rimbaud. Riporto qui di seguito uno stralcio della sua lezione inaugurale al Collège de France dove è stato chiamato a ricoprire la cattedra di creazione artistica per l’anno 2010-2011:

” …E’ interessante rilegge le poesie con l’andare degli anni perchè la percezione cambia nel corso del tempo come succede con i quadri. Se sovrapponiamo le nostre percezioni successive delle opere d’arte o delle poesie diventano come gli strati geologici. Esplorandole in profondità otteniamo come un carrottaggio, una testimonianza della loro vita, non come un manifestazione unica o fenomeno appartenente al passato, ma come un essere vivente, riflesso della loro stessa storia, della loro stessa evoluzione” e riferendosi alla poesia Marina di Rimbaud “.. Il ricordo dell’effetto che questa poesia mi fece quando la lessi la prima volta è ancora nitido. Ma mi chiedo, l’avevo capita davvero? All’epoca mi era oscura. Non riuscivo a decifrarla, a trovare la chiave dell’enigma perché non avevo il vissuto necessario, non avevo un sentimento personale al quale aggrapparmi che mi permettesse di ricostruirlo.” ( Il testo integrale della lezione è disponibile su ilsole24ore.com ).

Volgarizzando queste considerazioni che si dipanano approfondendosi man mano lungo il percorso della meditazione di A. Kiefer sull’ ut pictura poesis, dedicata alle confluenze tra poesia e pittura, si potrebbe dire che una poesia non è un pezzo giornalistico, non è un diario, non è un trattato di filosofia o psicologia. Niente da consumare in fretta o dover comprendere immediatamente. Al contrario una sua seconda lettura, se non una terza o una quarta differite nel tempo, è l’obbligo a cui una lirica ci lega. La fusione della nostra storia con quella della poesia porta a una specie di estinzione della realtà empirica e alla creazione delle stratificazioni che portano alla comprensione.

 

Annunci

Informazioni su emmapretti

Poetessa e scrittrice collabora con numerose riviste italiane e straniere con poesie, traduzioni, recensioni e racconti. Ha pubblicato cinque volumi di poesia. L'ultimo libro è del 2010 " I giorni chiamati nemici" Sefeditrice. Per notizie più ampie e dettagliate rimando alla nota bio-bibliografica inserita all'interno all'interno della mia ultima raccolta di liriche " I giorni chiamati nemici " -Sefeditrice 2010 - Firenze www.sefeditrice.it http://www.sefeditrice.it/scheda.asp?IDV=2441
Questa voce è stata pubblicata in comprensione della poesia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...